La Renault Captur: un SUV compatto di grande carattere

Je ziet ze veel rijden, de Renault Captur. En niet geheel zonder reden! Ben je op zoek naar een mooie, betrouwbare en betaalbare SUV? Dan is de Renault Captur een uitstekende keuze. De Captur is ruim, comfortabel, zuinig en voorzien van alle moderne gemakken. En dankzij het ruime aanbod occasions, is er voor ieder budget een Renault Captur Occasion trovare.

Renault Captur, wat zeggen de gebruikers?

Sommige mensen weigeren compromissen te sluiten op het gebied van stijl en uitrusting als ze voor een praktische gezinsauto kiezen – en dat zijn het soort mensen dat door de Captur verleid zal worden. Veilig, stijlvol, rijk aan functies en rijplezier: de Renault Captur heeft het.

De Renault Captur is niet alleen populair vanwege de techniek en prestaties, maar ook vanwege de gebruiksvriendelijkheid en het comfort. De auto is ruim en praktisch, met voldoende beenruimte voor- en achterin. De kofferbak is met 432 liter ook erg ruim, en kan zelfs worden vergroot tot 1.537 liter met de achterbank plat.

De Captur is ook voorzien van diverse handige features, zoals een multimediasysteem met touchscreen, climate control en cruise control. En dankzij de hoge zitpositie heb je een uitstekend zicht op de weg. Gebruikers van de Captur zijn erg tevreden over de auto. Ze waarderen met name het comfort, de ruimte, de zuinigheid en de betrouwbaarheid.

Techniek en Prestaties

De Renault Captur is verkrijgbaar met diverse benzinemotoren, dieselmotoren en als plug-in hybride variant. De benzinemotoren variëren van 95 pk tot 155 pk, en de dieselmotoren van 95 pk tot 115 pk. De plug-in hybride Captur heeft een vermogen van 160 pk en kan tot 50 kilometer volledig elektrisch rijden.

Ongeacht de motor die je kiest, rijdt de Captur altijd comfortabel en soepel. De besturing is licht en direct, en de ophanging is goed afgestemd. De Captur is ook verrassend zuinig, met een gemiddeld verbruik van 5,0 liter per 100 kilometer voor de benzinemotoren en 3,8 liter per 100 kilometer voor de dieselmotoren.

Uitvoeringen

De Renault Captur is verkrijgbaar in diverse uitvoeringen, met namen Life, Zen en Intens. De Life-uitvoering is de basisuitvoering en is al voorzien van diverse handige features, zoals airconditioning, cruise control en Bluetooth. De Zen-uitvoering is voorzien van extra luxe, zoals lichtmetalen velgen, climate control en parkeersensoren. De Intens-uitvoering is de meest complete uitvoering en is voorzien van alle denkbare luxe, zoals lederen bekleding, een panoramisch dak en een Bose audiosysteem.

Captur Occasions

Ben je op zoek naar een Renault Captur occasion? Dan heb je een ruime keuze. Er zijn occasions te vinden met diverse motoriseringen, uitvoeringen en kilometerstanden. De prijzen van de occasions variëren van rond de €10.000,- voor een model met hoge kilometerstand, tot meer dan €30.000,- voor een nieuwere Captur met weinig kilometers.

Bij het kopen van een Renault Captur occasion is het belangrijk om goed te letten op de kilometerstand, de onderhoudshistorie en de staat van de auto. Het is ook een goed idee om de auto te laten keuren door een onafhankelijke partij. Hoe dan ook is deze Renault een uitstekende keuze voor iedereen die op zoek is naar een compacte SUV met een groot karakter. De auto is ruim, comfortabel, zuinig, betrouwbaar en voorzien van alle moderne gemakken. En dankzij het ruime aanbod occasions, is er voor ieder budget een Captur te vinden.

Audi A1 Quali problemi ha questa Audi?

Scoprite i segreti dei problemi più comuni dell'Audi A1! Dai guasti elettrici ai problemi al motore, analizziamo tutto.

Introduzione Audi A1

Scoprite i segreti dei problemi più comuni dell'Audi A1! Dai guasti elettrici ai problemi al motore, analizziamo tutto.

Problemi comuni

Avere un'auto come l'Audi A1 può essere fantastico, una finitura perfetta e una buona maneggevolezza. Ma anche le grandi auto a volte possono incontrare problemi. Vediamo alcuni dei problemi più comuni che si possono incontrare quando si possiede un'Audi A1.

Quali problemi di motore presenta un'Audi A1

1. Motore 1.0 TFSI
Consumo di olio: aumento del consumo di olio dovuto a problemi alle fasce elastiche o alle pareti del cilindro.
Problemi di avviamento: Difficoltà di avviamento dovute a guasti elettrici o a problemi di alimentazione.
Minimo irregolare: potrebbe essere dovuto a iniettori del carburante sporchi o difettosi.
2. Motore 1.4 TFSI
Problemi alla catena: Problemi alla catena di distribuzione, come l'allungamento o il cedimento, che possono causare gravi danni al motore.
Perdite di liquido refrigerante: perdite di liquido refrigerante dovute a pompe dell'acqua o tubi flessibili difettosi.
Spia di avaria del motore: Spesso è causata da guasti ai sensori o da problemi di ricircolo dei gas di scarico.
3. Motore 1.6 TDI
Blocco del DPF: intasamento del filtro antiparticolato diesel, soprattutto nelle auto che effettuano molti viaggi brevi.
Problemi al turbo: Guasto al turbo dovuto alla scarsa qualità dell'olio o a una manutenzione inadeguata.
Guasto della valvola EGR: malfunzionamento della valvola di ricircolo dei gas di scarico, che può causare una riduzione delle prestazioni e un aumento del consumo di carburante.
4. Motore 2.0 TDI
Problemi al collettore di aspirazione: Problemi al collettore di aspirazione, tra cui intasamento o valvole difettose.
Elevato consumo di olio: come i motori più piccoli, anche il 2.0 TDI può soffrire di un aumento del consumo di olio dovuto all'usura o a difetti del motore.
Problemi agli iniettori: Iniettori del carburante difettosi o sporchi che possono causare prestazioni del motore scadenti e un aumento delle emissioni.

Problemi elettronici su una A1

1. Malfunzionamenti del sistema Infotainment
Guasto o riavvio del sistema HMI: può essere frustrante, soprattutto se il sistema di navigazione o di intrattenimento si guasta o si riavvia inaspettatamente.
Problemi di connettività Bluetooth: Problemi di connessione o mantenimento delle connessioni con gli smartphone.
2. Problemi con il comando dei finestrini elettrici
Alzacristalli elettrici non funzionanti: A volte uno o più alzacristalli elettrici non funzionano a causa di interruttori, motori o cablaggi difettosi.
3. Problemi di illuminazione
Malfunzionamenti delle luci diurne a LED: problemi con le luci a LED che non funzionano come previsto o che si guastano prematuramente.
Problemi di illuminazione interna: illuminazione interna che non si accende o funziona in modo irregolare.
4. Problemi di avviamento
Avviamento insufficiente o mancato avviamento: può essere causato da problemi al motorino di avviamento, alla batteria o al cablaggio elettrico.
5. Problemi legati al sensore
Malfunzionamento dei sensori di parcheggio: Irregolarità o guasto completo dei sensori di parcheggio.
Problemi con i sensori di pioggia e luce: i sensori non rispondono correttamente alle variazioni di luce o alle precipitazioni.
6. Componenti elettronici della gestione del motore
Guasti al sistema di gestione del motore: possono provocare l'accensione di spie sul cruscotto e la riduzione delle prestazioni del motore.
7. Problemi con la batteria
Scarica rapida della batteria: può verificarsi a causa dell'età o di perdite elettriche.

Image result for Top Audi A1 Issues Explained infographics (Risultati per i problemi di Audi A1)

Immagine per gentile concessione di via Google Immagini

Quali problemi segnalano i proprietari?

Problema Spiegazione
Problemi al cambio I proprietari di un'Audi A1 hanno segnalato problemi con il cambio automatico, tra cui cambiate approssimative, esitazioni e, a volte, impossibilità di cambiare correttamente.
Elettronica Alcuni modelli di Audi A1 hanno riscontrato vari guasti elettrici, tra cui problemi al sistema di infotainment, luci del cruscotto tremolanti e cortocircuiti elettrici.
Perdita di olio Le perdite d'olio sono un problema comune nell'Audi A1 e di solito provengono dalla guarnizione del motore o della coppa dell'olio. È importante intervenire immediatamente sulle perdite d'olio per evitare ulteriori danni.
Sospensione Alcuni proprietari di Audi A1 hanno riferito di aver sentito rumori insoliti provenienti dalle sospensioni, come sferragliamenti o cigolii. Ciò potrebbe indicare l'usura dei componenti delle sospensioni.
Motore I guasti al motore dell'Audi A1 possono essere causati da una serie di problemi, dalle candele difettose all'iniettore del carburante difettoso. È essenziale diagnosticare e risolvere i guasti al motore per evitare ulteriori danni.

Cosa fare in caso di problemi con l'Audi A1

Problemi seri
Questi problemi richiedono un intervento immediato per motivi di sicurezza o per evitare gravi danni alla vettura:

Problemi al motore come perdite d'olio, rumori insoliti o fumo: recarsi immediatamente da un meccanico. La guida con questi problemi può causare ulteriori danni al motore.
Problemi elettrici come il mancato avviamento del motore o guasti elettrici che compromettono la sicurezza di guida: Questo problema deve essere controllato da un professionista il prima possibile.
Gravi problemi ai freni, come pedale del freno spugnoso o sfregamento udibile: Interrompere la marcia e rivolgersi a un'officina. I problemi ai freni possono essere pericolosi per la vita.
Malfunzionamento dello sterzo: se lo sterzo risulta pesante o l'auto non risponde correttamente, ciò potrebbe indicare un problema serio.
Problemi meno gravi
Questi problemi devono essere affrontati, ma di solito si può continuare a guidare fino a quando non si ottiene un appuntamento:

Problemi elettrici minori, come problemi all'infotainment o all'illuminazione interna: spesso sono più fastidiosi che pericolosi e possono essere risolti durante il prossimo tagliando.
Problemi con l'aria condizionata: a meno che non sia estate e il raffreddamento sia essenziale, questi problemi possono aspettare fino alla normale visita in officina.
Leggera perdita d'olio: tenete d'occhio il livello dell'olio e programmate una visita in officina per eliminare la fonte della perdita.
Problemi minori ai finestrini elettrici o ad altre funzioni non essenziali: In genere, questi problemi possono essere risolti alla prossima manutenzione programmata.

 

3 scelte top di veicoli utilitari per i tuttofare

Siete un tuttofare alla ricerca dell'autobus ideale? I professionisti di Dutch Vans, concessionario di veicoli usati a prezzi accessibili, saranno lieti di aiutarvi nel vostro percorso. Sebbene i gusti varino sempre e esistano molte opzioni adatte, a nostro avviso questi tre autobus sono i migliori della loro categoria. Soddisfano le diverse esigenze dei tuttofare, per qualsiasi tipo di lavoro.

Iveco Daily (Grande)

Per i grandi progetti e le lunghe distanze, l'Iveco Daily è il nostro preferito. L'Iveco Daily si distingue per la cabina spaziosa e confortevole che rende piacevoli i lunghi viaggi. Il Daily offre anche uno spazio più che sufficiente per tutti gli attrezzi e i materiali, con la possibilità di stare in piedi, a meno che non si superino i due metri. Altre possibili alternative in questa classe sono il Volkswagen Crafter, il Renault Master e il Mercedes-Benz Sprinter.

Ford Transit Custom (Medio)

Il Ford Transit Custom è una scelta affidabile per progetti di medie dimensioni. Dopo tutto, questo furgone è apprezzato per la sua robustezza e il suo comfort di guida. Il Transit Custom offre spazio sufficiente per tutti gli attrezzi e i materiali, pur rimanendo facilmente manovrabile in città e guidando comodamente in autostrada. Un vantaggio particolare è lo spazio di stivaggio supplementare sotto la cabina, accessibile dal vano di carico. Perfetto per le cose che si usano meno spesso (basta tenere presente l'accessibilità limitata, se si conservano altre cose).

Volkswagen Caddy (compatto)

Il Caddy Volkswagen può essere personalizzato con ripiani, rastrelliere e divisori per riporre in modo organizzato i vostri attrezzi, lasciando comunque molto spazio per i vostri materiali. Ideale per la città, il Caddy consente di spostarsi rapidamente da un lavoro all'altro. È noto per il suo comfort, la manovrabilità e l'efficienza, grazie ai suoi motori a basso consumo che contribuiscono a ridurre i costi del carburante. Per chi ha bisogno di più spazio, c'è la versione Maxi, oppure date un'occhiata ai nostri consigli per i modelli più grandi.

Siete interessati a maggiori informazioni?

Volete maggiori dettagli su questi veicoli commerciali o avete bisogno di una consulenza personale? Allora contattate Furgoni olandesi. Questo concessionario di Barneveld è lieto di aiutarvi e ha quasi sempre in magazzino un veicolo commerciale usato (giovane) adatto a voi.

Dutch Vans si trova a Barneveld, proprio accanto all'autostrada A1. Questo rende l'azienda facilmente accessibile da tutto il paese. Inoltre, dispone di autobus di qualità da concessionario, ma li vende a un prezzo all'ingrosso.

Quale auto acquistare? Vi aiutiamo a decidere

Se state pensando di acquistare un'auto, può essere difficile tenere sotto controllo e valutare tutte le opzioni. Se per alcuni la scelta di un'auto è una prospettiva sgradevole, per altri è un piacere (compresi noi!). Ma può essere facile lasciarsi trasportare ed è importante tenere i piedi per terra durante la ricerca. Per quanto si possa essere tentati di optare per il modello che attira l'attenzione con un bel colore, un look accattivante o una marca di spessore, alla lunga può valere la pena di adottare un approccio graduale all'acquisto.

Abbiamo messo insieme questa guida per aiutarvi a decidere quale auto acquistare. Alla fine, solo voi conoscete il vostro stile di vita, i vostri gusti e il vostro budget. Questa guida vi aiuterà a capire a cosa vi serve un'auto e a stilare una lista di controllo per scegliere l'opzione migliore.

A cosa prestare attenzione quando si acquista la prossima automobile

  • Qual è il vostro budget? Quanto volete spendere, sia per gli acquisti che per i costi fissi?
  • Per cosa si usa l'auto
  • Quanto spazio è necessario
  • Quali sono le caratteristiche di cui avete bisogno o che desiderate
  • Benzina, diesel, ibrido o elettrico?

Nuovo o di seconda mano?

Decidere di acquistare un'auto nuova o usata è il primo passo verso l'acquisto della vostra prossima auto. Il budget a disposizione avrà probabilmente un ruolo importante nella decisione e determinerà anche la possibilità di acquistare un'auto nuova. Se acquistate un'auto nuova, potrete beneficiare della tranquillità di una lunga garanzia del produttore (che può variare a seconda della marca). Potrete anche personalizzare l'auto secondo i vostri gusti e le vostre esigenze, ma un'auto nuova può avere tempi di consegna lunghi e ricordate che a lungo termine perderete quasi sempre più denaro rispetto all'acquisto di un'auto usata. Ciò è dovuto alla rapida svalutazione delle auto, anche se può variare notevolmente a seconda della marca e del modello.

Le auto usate, invece, hanno i loro vantaggi. Un'auto usata sarà quasi sempre più economica di una nuova e il primo proprietario avrà probabilmente subito il primo colpo di svalutazione, quindi non dovrete farlo voi. Un buon punto di partenza per la ricerca è CarProf, ad esempio, dove è possibile trovare diverse offerte di auto usate. vedere le occasioni.

Come si usa l'auto?

Pensate all'uso che farete dell'auto: se guidate principalmente in città, il consumo di carburante può essere una preoccupazione secondaria (poche auto sono più efficienti nel traffico stop-start), ma potreste volere un'auto piccola per facilitare il parcheggio. La trazione integrale, invece, di solito non è necessaria, a meno che non si preveda di rimorchiare regolarmente o di frequentare la campagna.

E naturalmente la domanda: quanto spazio vi serve? Avete bisogno di sette posti o è sufficiente un modello più economico con cinque posti? C'è spazio per la famiglia o gli amici nella parte posteriore dell'auto e il bagagliaio è abbastanza grande per le cose che portate spesso con voi? Un'altezza di marcia maggiore faciliterebbe l'ingresso e l'uscita dall'auto? Se avete biciclette o canoe, sono utili le barre sul tetto? O un gancio di traino per un carrello o un portabici? Ponendovi domande come queste, potrete restringere i criteri di ricerca e rendere la ricerca molto più semplice.

Quale forma del corpo?

Se si acquistava un'auto venti o trent'anni fa, la scelta era piuttosto semplice: se non si percorrevano molti chilometri, si comprava un'utilitaria, mentre la station wagon era destinata a chi doveva trasportare regolarmente grandi carichi o aveva una famiglia numerosa. Mentre tutti gli altri guidavano una berlina. Oggi non è più così semplice.

Al giorno d'oggi i SUV sono molto più popolari, grazie all'ingresso più alto e allo spazio interno più ampio. I modelli più moderni si guidano discretamente bene e non consumano molto più carburante di un'auto tradizionale. Potreste anche aver sentito parlare del termine "crossover": in origine si trattava di un termine che si riferiva a un'auto che combinava le caratteristiche di due stili di carrozzeria, ma oggi viene utilizzato principalmente per indicare le auto basate sulle tradizionali piccole utilitarie con un ingresso e una maneggevolezza maggiori e con le caratteristiche dei SUV.

Sono disponibili i seguenti stili di carrozzeria:

  • City car (ad es. Fiat 500)
  • Supermini (ad esempio Ford Fiesta)
  • SUV di piccole dimensioni (ad es. Nissan Juke)
  • Berline familiari (ad es. Ford Focus)
  • SUV familiari (ad es. Nissan Qashqai)
  • Auto familiari di grandi dimensioni (ad es. Ford Mondeo)
  • Autovetture con motore (ad es. Skoda Octavia Estate)
  • SUV di grandi dimensioni (ad es. Kia Sorento)
  • Monovolume (ad esempio Ford Galaxy)
  • Auto executive (di fascia alta) (ad es. BMW serie 5, Mercedes classe E)
  • Coupé (ad esempio Audi TT)
  • Cabriolet (ad esempio Mazda MX-5)

Quando decidete quale auto acquistare, tenete presente più o meno la forma della carrozzeria che desiderate, ma siate pronti ad ampliare la ricerca. Ad esempio, se state cercando un'utilitaria tradizionale come la Volkswagen Golf, lo spazio extra disponibile in un SUV Skoda Karoq dal prezzo simile potrebbe essere utile, o tutto quello spazio in più andrà sprecato? Per quanto riguarda le marche, vale lo stesso discorso: preparatevi a prendere in considerazione produttori che un tempo consideravate troppo lussuosi, così come marchi che in precedenza erano stati scartati perché sembravano troppo "economici". Siate quindi aperti a guardarvi intorno.

Benzina, diesel, ibrido o elettrico?

La cosa successiva da considerare è il carburante per la vostra auto. Mentre alcune auto sono disponibili solo con motore a benzina, come la Skoda Fabia, la maggior parte dei produttori offre sia motori a benzina che diesel. I modelli mild-hybrid, ibridi, ibridi plug-in ed elettrici stanno diventando sempre più comuni e possono essere una scelta eccellente, soprattutto se si guida molto in città.

Come regola generale, se si percorrono meno di 19.000 chilometri all'anno, un motore diesel potrebbe non essere adatto. Le auto diesel costano di più rispetto a quelle a benzina e bisogna percorrere molti chilometri per compensare la differenza in termini di risparmio di carburante. Tuttavia, con i prezzi odierni del carburante, questo non è più del tutto vero. Fate quindi i conti per determinare la differenza tra un'auto a benzina e una diesel, includendo anche la tassa di circolazione e l'assicurazione. Al contrario, la maggior parte dei modelli ibridi a benzina e ibridi plug-in offrono costi di gestione inferiori a quelli di un'auto a benzina/diesel, ma sono più costosi da acquistare. Tuttavia, i veicoli elettrici e le auto ibride sono sempre più disponibili sul mercato dell'usato e stanno diventando sempre più accessibili.

Se si effettuano prevalentemente viaggi brevi, un diesel probabilmente non è la scelta giusta. I motori diesel, infatti, devono funzionare regolarmente a velocità sostenuta per bruciare la fuliggine che si accumula nel filtro antiparticolato (DPF). Se non si dà al motore diesel la possibilità di farlo di tanto in tanto, si rischia di ritrovarsi con un filtro antiparticolato intasato e una fattura elevata per le riparazioni. Se volete ridurre i consumi e le emissioni, un diesel con supporto mild-hybrid può essere una buona scelta.

Se pensate di utilizzare l'auto per viaggi più brevi, allora uno dei migliori modelli ibridi plug-in potrebbe essere una scelta valida. Pensate però alla ricarica: avete lo spazio in casa per installare un punto di ricarica o dovete per forza farlo lungo le strade pubbliche? Molti modelli PHEV, come la BMW 330e e la Mercedes A 250 e, sono in grado di percorrere circa 50 chilometri in modalità elettrica, a seconda del tipo di guida, un'autonomia che spesso può essere sufficiente per brevi spostamenti.

Le auto elettriche offrono i costi fissi più bassi (non ci sono tasse di circolazione da pagare e la ricarica a casa costa molto meno di un pieno di carburante), quindi potete compensare il prezzo di acquisto più elevato di un'auto elettrica con costi fissi molto più bassi di quelli a cui siete probabilmente abituati. Oggi è disponibile sul mercato un'ampia gamma di auto elettriche, molte delle quali coprono più di 320 chilometri tra una ricarica e l'altra, una distanza di gran lunga superiore a quella percorsa dalla maggior parte delle persone in una sola volta. Grazie alle sovvenzioni statali, è possibile risparmiare anche sul costo di acquisto di molte auto elettriche.

Che cosa è veramente importante per voi?

Una volta che avete un'idea approssimativa delle dimensioni e della forma dell'auto che state cercando, pensate attentamente all'uso che ne farete. Se avete bambini piccoli, un SUV crossover è una buona scelta, in quanto l'altezza di marcia rialzata rende molto più facile far entrare i bambini e i loro seggiolini nell'auto. Se vi piace fare lavori saltuari, la capacità di carico può essere importante, così come le panche facilmente ripiegabili. Se desiderate che la vostra auto sia dotata di determinate caratteristiche, come il sistema di navigazione, la connettività telefonica, il cruise control adattivo, i sensori di parcheggio o i sedili in pelle, cercate di scegliere un livello di equipaggiamento che le includa tutte insieme, perché di solito è più economico che aggiungere le singole opzioni separatamente.

Come finanziare?

Poiché la stragrande maggioranza delle auto nuove viene acquistata con una qualche forma di finanziamento e i concessionari sono incoraggiati a vendere le auto con questo metodo, il contante non è necessariamente il re, ed è altrettanto probabile ottenere uno sconto acquistando un'auto con un finanziamento. Se decidete di prendere un'auto in leasing o in prestito, tenete d'occhio sia il prezzo totale che i rimborsi mensili; un optional può non sembrare così costoso su base mensile, ma è facile perdere di vista il vero costo degli optional. Potreste non riavere indietro i vostri soldi quando è il momento di vendere o di permutare l'auto, quindi approfondite attentamente i termini e le condizioni prima di concludere un accordo!

Quali sono i costi fissi?

Quando si stabilisce un budget per un'auto nuova, si è tentati di spingersi agli estremi e i rimborsi mensili possono essere allettanti. Anche per i modelli più costosi. Tuttavia, tenete presente che i costi fissi vengono facilmente messi da parte nella fase di acquisto e che un consumo eccessivo di carburante o i premi assicurativi possono far sì che la vostra auto faccia notizia. Verificate attentamente l'importo della tassa di circolazione per la vostra auto, che può variare notevolmente. Inoltre, se decidete di acquistare un'auto elettrica, verificate l'esistenza di eventuali sovvenzioni.

Il consumo di carburante deve ovviamente essere preso in considerazione. Se in passato i dati ufficiali dei costruttori erano difficili da riprodurre nel mondo reale, con l'introduzione dei nuovi test WLTP sui consumi e sulle emissioni nel 2017 sono diventati più precisi. È comunque necessario prendere questi dati con le molle, poiché le modalità e i luoghi di guida influiscono ovviamente sul consumo di carburante. Tenete d'occhio il computer di bordo durante ogni giro di prova per ottenere un dato più realistico sul risparmio di carburante e chiedete al concessionario come accedere a queste informazioni se non siete sicuri.

E ricordate di richiedere un certo numero di preventivi assicurativi per ogni auto che state considerando di acquistare, poiché alcuni modelli possono essere significativamente più costosi da assicurare rispetto ad altri.

Fare un giro di prova

Se sapete più o meno quale auto volete, provate a testare diverse auto simili. Vale la pena di farlo; anche se può significare aspettare che il concessionario consegni l'auto giusta, diverse combinazioni di motori e cambi possono cambiare completamente il modo di guidare un'auto, così come opzioni come le sospensioni sportive e i grandi cerchi in lega. Se siete alla ricerca di funzioni tecnologiche nell'auto, come la connettività telefonica Bluetooth, verificatene il funzionamento, poiché alcuni sistemi sono molto migliori di altri. Anche i comandi del menu e dello schermo digitale sono molto diversi a seconda del marchio, quindi verificate anche questo aspetto e scoprite cosa funziona meglio per voi. Fortunatamente, la maggior parte delle auto è dotata di Apple CarPlay e Android Auto, per cui è possibile utilizzare le app di navigazione e multimediali del telefono sullo schermo anziché sul sistema dell'auto.

Se state acquistando un'auto per tutta la famiglia, portate con voi il vostro partner e i vostri figli per vedere se l'auto è di loro gradimento. Potrebbero notare problemi a cui non avevate pensato, come lo scarso spazio interno o la scomodità dei sedili posteriori. È anche una buona idea portare con sé gli oggetti di grandi dimensioni, come passeggini per bambini o mazze da golf, che si portano regolarmente con sé, per vedere come si adattano al bagagliaio.

Durante il test drive, assicuratevi di percorrere strade diverse, da quelle a quattro corsie alle strade secondarie più tortuose. Questo vi aiuterà a farvi un'idea più precisa della guida dell'auto. Alcuni concessionari permettono di prendere in prestito un'auto durante il fine settimana e questo può essere utile, ma assicuratevi di non affezionarvi troppo all'auto, perché un approccio obiettivo è fondamentale.

L'obiettivo principale di un test drive è ovviamente l'auto stessa, quindi non lasciate che l'addetto alle vendite vi distragga troppo con le chiacchiere, anche se è bene essere gentili se volete ottenere un buon affare! A proposito...

Negoziare ora!

Una volta decisa l'auto da acquistare, è il momento di concordare il prezzo. Alcuni concessionari sono più aperti a contrattare di altri, ma qualsiasi venditore darà sicuramente un'occhiata ai concorrenti e saprà se il prezzo è giusto. Non abbiate paura di condividere queste informazioni con il venditore; dopo tutto, vogliono i vostri soldi. Se l'auto che state cercando è un modello particolarmente nuovo o richiesto, probabilmente gli sconti non sono realistici. Tuttavia, dovreste essere in grado di ottenere un set di tappetini e un pieno di carburante.

A meno che non stiate acquistando un'auto usata più vecchia, dovreste anche aspettarvi una qualche forma di garanzia. Naturalmente esiste una garanzia legale, ma molte officine offrono anche una garanzia aggiuntiva, informatevi! Le auto usate con un'età compresa tra uno e tre anni possono offrire un risparmio significativo e talvolta hanno anche una garanzia di fabbrica.

Se state dando in permuta una vecchia auto, fate delle ricerche e scoprite come valutare l'auto usata prima di iniziare a cercare un'auto nuova, in modo da essere sicuri che il concessionario vi farà un prezzo equo. Chiedete il prezzo di permuta a più fornitori, in modo da potervi fare un'idea del valore.

Decidere quale auto acquistare è un processo complicato, ma cercate sicuramente di prendere tempo nella vostra ricerca. Provate diverse auto e informatevi bene. Buona ricerca!

Comprare un'auto nuova? Ecco cosa considerare

Che la vostra auto sia troppo piccola, che vogliate solo una bella carrozzeria nuova, che la vostra auto sia stata distrutta o che non possa più essere messa in moto: ci sono molti motivi per dare in permuta la vostra vecchia auto e cercarne una nuova. Qui potete leggere cosa fare prima e dopo l'acquisto.

Auto nuova: trovare il modello giusto

Quando si decide di acquistare un'auto nuova, sorgono molte domande. Quanto volete spendere? Come utilizzate di solito l'auto? Se guidate principalmente nelle aree urbane, una piccola city car potrebbe essere la scelta migliore. Se condividete il veicolo con più persone o trasportate spesso molti bagagli, optate per una station wagon, un SUV o un crossover. Se avete bambini, un veicolo spazioso è ideale come auto familiare.

vendere un'autoInoltre, la domanda è: volete un'auto completamente nuova o di seconda mano? Un'auto nuova offre longevità e garanzia. Ne vale la pena se si viaggia molto. Inoltre, le auto nuove mantengono un valore maggiore quando si rivende l'auto.

Un veicolo usato può essere più soggetto a guasti e le riparazioni possono essere costose. Ricordate quindi di esaminare bene la storia del veicolo prima dell'acquisto. Siete già pronti per un veicolo elettrico? Allora vale la pena prendere in considerazione un'auto elettrica o ibrida. Il prezzo d'acquisto è comunque piuttosto elevato, ma le auto completamente elettriche presentano (ancora) dei vantaggi finanziari.

Se siete molto attenti al comfort e al lusso, assicuratevi di provare diversi modelli per farvi un'idea degli interni e delle opzioni aggiuntive. Le foto a volte possono distorcere questo aspetto.

Utilizzate le opzioni di ricerca sui vari siti web dedicati alle auto per selezionare le caratteristiche tecniche e le opzioni di equipaggiamento della nuova auto. In questo modo si escluderanno immediatamente le auto non idonee.

Calcolo dei costi di acquisto e manutenzione

Un'auto non è economica, quindi calcolate il costo. Non solo il prezzo di acquisto, ma anche i costi fissi come la tassa di circolazione, la manutenzione, l'assicurazione e il carburante.

Vedete l'auto dei vostri sogni in vendita a un prezzo stracciato? Le offerte a buon mercato sembrano allettanti, ma di solito sono accompagnate da una fregatura. Diffidate delle offerte che sembrano troppo belle per essere vere. Controllate attentamente l'auto e fate un giro di prova per assicurarvi che non abbia nulla che non vada.

Per l'acquisto di un'auto usata molti seguono la seguente regola: massimo 10 anni e meno di 150.000 chilometri sul contachilometri. Nel segmento di prezzo più basso, ad esempio, è possibile trovare un'auto usata di uno o due anni per 5.000-8.000 euro. Per quanto riguarda le auto un po' più costose, c'è un'ampia scelta di auto tra i 10.000 e i 20.000 euro. Qualcosa per tutti i gusti!

Calcolo dei costi fissi

Come già detto, calcolate i costi fissi come la tassa di circolazione, la manutenzione, l'assicurazione e il carburante.

È possibile calcolare la tassa di circolazione semplicemente attraverso il sito web delle autorità fiscali. Anche i premi assicurativi sono semplici da calcolare online attraverso i noti siti web di comparazione delle assicurazioni. La manutenzione può variare molto, ma in media si aggira intorno ai 500-600 euro all'anno. Tuttavia, ciò dipende fortemente da ciò che deve essere effettuato: in caso di riparazioni importanti o di cambio di pneumatici, il costo può essere notevolmente più elevato. Quindi, quando acquistate un'auto, controllate anche il profilo degli pneumatici.

Il carburante dipende anche dal tipo di carburante, dal motore, dal comportamento di guida e dal chilometraggio. È meglio stimarlo da soli.

Quando si acquista un'auto nuova, spesso c'è un margine nel prezzo di vendita. Approfittatene e negoziate con il venditore. Non esitate a portare con voi qualcuno che vi aiuti nella conversazione. Con un po' di abilità, potete risparmiare diverse migliaia di euro.

Come vendere la mia auto?

Ci sono diversi modi per vendere la vostra auto attuale. Potete scambiarla con una nuova auto presso un concessionario. Esistono anche diversi siti web specializzati nell'acquisto di auto senza doverne acquistare una nuova. Per esempio, date un'occhiata al sito di "Vendo la mia auto velocemente". vendita auto Woerden, si riceve un'offerta per posta in modo semplice e veloce.

Un'altra possibilità è quella di vendere l'auto da soli, ad esempio tramite il marketplace o con un biglietto dietro la vetrina.

Abituarsi alla nuova auto

Dopo l'acquisto, è necessario registrare la nuova auto presso la RDW. La maggior parte delle officine provvederà a farlo sul posto. Prendetevi tutto il tempo necessario per abituarvi alla vostra auto e non strappate come dei pazzi. La vostra nuova auto potrebbe reagire in modo diverso da quella a cui siete abituati. Non lasciatevi confondere da nuovi interruttori o display sconosciuti, leggete attentamente il libretto e sperimentate tutte le opzioni.

Se acquistate un'auto completamente nuova, prendetevi del tempo per guidarla. Evitate di accelerare a fondo, indipendentemente dal fatto che l'auto funzioni a diesel o a benzina. Altrimenti si rischia che il motore si usuri più rapidamente. Cercate percorsi collinari fuori città, in modo che il motore si abitui a condizioni diverse. Anche l'impianto frenante ha bisogno di tempo per abituarsi: sviluppa tutta la sua potenza solo dopo circa 200 chilometri. Solo dopo alcune centinaia di chilometri i pneumatici dell'auto aderiscono completamente al terreno.

Vi auguriamo una buona ricerca di una nuova auto!

La Dacia Jogger: un nuovo capitolo?

Se siete alla ricerca di un'auto familiare spaziosa, economica e versatile, la Dacia Jogger è la scelta che fa per voi, secondo il sito web di Dacia! Il Jogger è il nuovo membro della famiglia Dacia e promette di continuare il DNA del marchio: pratico, affidabile e molto conveniente. Diamo una breve occhiata alla storia di Dacia e poi approfondiamo il Jogger stesso.

Uno sguardo alla storia di Dacia

Prima di approfondire il tema del Jogger, facciamo un passo indietro e guardiamo al marchio che ne è alla base: Dacia. Dacia è un marchio automobilistico rumeno fondato nel 1966 e da allora ha avuto una storia lunga e interessante. Nasce come partnership tra il governo rumeno e la francese Renault, con l'obiettivo di produrre auto a prezzi accessibili per il mercato dell'Europa orientale.

dacia joggerNel corso degli anni, Dacia si è costruita una solida reputazione per la fornitura di veicoli semplici, affidabili e convenienti. Il marchio era particolarmente popolare nei mercati emergenti e si è gradualmente diffuso in altre parti d'Europa. Nel 1999, Dacia è stata acquisita dal Gruppo Renault, che ha portato a un ulteriore sviluppo ed espansione del marchio.

Il successo di Dacia è in gran parte dovuto alla sua capacità di produrre auto che soddisfano le esigenze di base delle persone, senza inutili fronzoli. Ne sono nati modelli come la Dacia Logan, la Sandero e la Duster, noti per la loro robustezza e per il prezzo interessante.

Il Dacia Jogger, quali sono le versioni?

Con queste premesse, diamo un'occhiata all'ultima ammiraglia di Dacia, il Jogger. Il Jogger è un MPV (Multi-Purpose Vehicle) compatto progettato per le famiglie che cercano un prezzo accessibile senza sacrificare spazio e funzionalità.

Il Jogger è disponibile nelle seguenti versioni:

  • Espressione Jogger 5 posti
  • Espressione Jogger 7 posti
  • Jogger extreme 5 posti
  • Jogger extreme 7 posti

È possibile scegliere tra 5 o 7 posti e tra la versione standard o la versione estrema. Il Jogger è disponibile anche nelle versioni ibrida e Bi-Fuel. In quest'ultima versione, l'auto funziona con due tipi di carburante: benzina e GPL. Per una panoramica delle versioni disponibili, consultare il sito web di Autokievit. Dacia Jogger modelli.

Spazio e versatilità?

Una delle caratteristiche più evidenti del Jogger è la capacità di trasportare fino a sette passeggeri, che lo rende un veicolo adatto alle famiglie più numerose. La terza fila di sedili può essere ripiegata per creare spazio extra per i bagagli quando necessario. Questo rende il Jogger estremamente versatile per ogni tipo di avventura, che si tratti di commissioni quotidiane o di una fuga nel fine settimana.

Sotto il cofano, il Jogger offre una scelta di efficienti motorizzazioni a benzina e diesel, oltre a una variante ibrida e Bi-Fuel attenta all'ambiente. In questo modo, ogni conducente può trovare la configurazione del motore più adatta alle proprie esigenze.

Gli interni del Jogger sono stati progettati pensando al comfort e alla facilità d'uso. Le moderne tecnologie e le varie funzioni di connettività assicurano una piacevole esperienza di guida. Inoltre, gli interni sono ben rifiniti e trasudano qualità.

Conclusione

In breve, la Dacia Jogger incarna i valori fondamentali del marchio Dacia: pratica, conveniente e adatta alle famiglie. Una scelta eccellente per chi è alla ricerca di un'auto familiare conveniente che non delude.

La Dacia Jogger è un nuovo capitolo nella storia del marchio Dacia, noto da decenni per le sue auto semplici e affidabili. Dacia rimane fedele alle sue radici e il Jogger ne è l'ultima prova.

Il fascino irresistibile delle auto sportive italiane

Italia, terra di passione, eleganza e maestria artigianale. Non sorprende che questo splendido Paese ci abbia regalato alcune delle auto sportive più seducenti del mondo. Dalla bellezza senza tempo della Ferrari alle prestazioni esaltanti della Lamborghini, le auto sportive italiane esercitano un'attrazione irresistibile sugli appassionati di tutto il mondo. In questo articolo approfondiamo i fattori che rendono queste auto così desiderabili.

Un design che stimola i sensi

Il design di un'auto sportiva italiana è come un'opera d'arte su ruote. Ogni linea, curva e dettaglio è impregnato di stile e classe. I designer italiani riescono a creare un equilibrio perfetto tra bellezza e aggressività, conferendo alle auto un fascino senza tempo. Che si tratti delle forme sensuali di una Ferrari 488 Spider o degli spigoli vivi di una Lamborghini Huracán, queste auto fanno battere il cuore degli appassionati.

Prestazioni mozzafiato

Le auto sportive italiane sono sinonimo di velocità e potenza allo stato puro. Sotto il cofano ci sono macchine potenti, capaci di prestazioni incredibili, a patto che un tale Ferrari ben tenuta sarà presso uno specialista Ferrari riconosciuto come Principe a Nunspeet. Il suono di un rombante motore V8 o V12 italiano è sufficiente a far venire la pelle d'oca. L'accelerazione, la velocità e l'agilità di queste auto sono di un altro mondo. Lasciano al conducente e ai passeggeri un'esperienza di guida indimenticabile e offrono una scarica di adrenalina difficilmente eguagliabile.

Storia del patrimonio e delle corse

Il fascino irresistibile delle auto sportive italianeL'Italia ha una ricca storia di corse e un'eredità che risale agli albori del motorsport. Marchi come Ferrari, Lamborghini, Maserati e Alfa Romeo vantano un curriculum impressionante nel mondo del motorsport. Nate dalla passione per le competizioni, queste auto sportive hanno integrato tecnologie e innovazioni provenienti dalle corse. Guidare un'auto sportiva italiana significa far parte di una tradizione leggendaria e partecipare alla continuazione di una gloriosa eredità.

Esclusività e prestigio

Le auto sportive italiane non sono solo belle e veloci, ma rappresentano anche un simbolo di esclusività e prestigio. Queste auto sono costruite a mano in numero limitato, il che le rende rare da vedere sulle strade. Il acquistare un'auto così esclusiva è un segno di gusto e dà un senso di orgoglio e distinzione. È un modo per distinguersi dalla massa e mostrare la propria passione per il design e le prestazioni dell'auto.

Problemi e consigli per l'acquisto della Tesla Model 3, a cosa prestare attenzione?

La Tesla Model 3, negli ultimi anni, ha avuto una popolarità senza precedenti. Nel 2019 sarà addirittura l'auto più venduta nei Paesi Bassi, grazie anche alla sua bassa aliquota fiscale aggiuntiva. Con la Model 3 completamente elettrica, Tesla ha completamente stravolto il mondo dell'auto ed è impossibile immaginare le strade olandesi senza di essa. In tutto il mondo, quest'auto è anche uno dei veicoli elettrici più venduti e ha davvero introdotto il pubblico alla guida elettrica. Se tutto ciò è avvenuto senza intoppi, lo elenchiamo in questo articolo!

Tesla Model 3 è una buona scelta?

Basta una rapida ricerca su Internet per capire che i primi modelli della Tesla Model 3 presentavano numerosi problemi iniziali. E i problemi non sono diminuiti negli anni successivi. Che si tratti di batterie difettose o di difetti tecnici, non sono pochi i proprietari di Tesla che sono regolarmente infastiditi dalla loro auto.

tesla modello 3La Tesla Model 3 è stata presentata al pubblico alla fine del 2016 ed è entrata in produzione di massa a partire da luglio 2017. Tuttavia, il lancio sul mercato europeo è avvenuto solo diversi anni dopo, per la precisione nel febbraio 2019. Questo ha avuto il vantaggio che la maggior parte dei problemi iniziali erano già stati risolti.

Tuttavia, molti proprietari della Model 3 si lamentano dell'auto, quindi non per niente Tesla ha rivisto la Model 3 più volte negli ultimi anni. I primi modelli non sono più disponibili nella loro forma, poiché è cambiato non solo il concetto di guida ma anche la capacità della batteria. Oltre alla classica Tesla Model 3 a trazione posteriore (Standard Range Plus), sono attualmente disponibili altri due modelli. Il Long Range e il Performance, questi ultimi dotati di trazione integrale e di una batteria più capiente nella maggior parte dei casi.

La batteria della Model 3 è il punto più debole?

La batteria della Tesla Model 3 è considerata il punto più debole, in quanto si sono verificati ripetuti problemi con essa. Tuttavia, il problema non riguarda tutti i modelli allo stesso modo, poiché vengono utilizzate batterie diverse a seconda dell'anno di produzione, del Paese di produzione e del modello.

I primi modelli e le versioni base degli Stati Uniti utilizzano batterie di LG Chem, mentre i modelli più potenti utilizzano una batteria più grande di Panasonic Corporation.

Particolarmente preoccupante è la batteria al litio ferro fosfato (LFP) di CATL, presente nei modelli base importati dalla Cina dal dicembre 2020. Si distingue per la scarsa autonomia, la bassa capacità di carica e l'elevata autoscarica. Questa batteria è inoltre particolarmente sensibile al freddo, cosa che si nota quando viene utilizzata in inverno. Da allora Tesla è riuscita a risolvere i problemi con aggiornamenti del software.

Inoltre, sono più frequenti i reclami relativi alla batteria; i problemi iniziano spesso con un messaggio di errore sul display che informa della ridotta capacità di carica. In seguito, la batteria si esaurisce abbastanza rapidamente e deve essere sostituita. I rapporti indicano che Tesla ha agito in questo senso e ha fornito la sostituzione della batteria gratuitamente nella maggior parte dei casi.

Punti del controllo MOT

Le prime Tesla Model 3 hanno superato la data dell'omologazione e si conoscono le prime esperienze. In generale, l'auto supera l'omologazione senza problemi, ma sembra che non tutte le officine abbiano la necessaria conoscenza ed esperienza con la tecnologia Tesla. Tra le altre cose, la mancanza della connessione OBDII, che si trova nel vano piedi solo dalla metà del 2020, causa discussioni.

Il peso elevato della batteria si ripercuote anche sul telaio, come dimostra l'elevata usura dei quadrilateri e dei cuscinetti.

Non di rado, anche i fari si rifiutano di funzionare; un problema comune anche alla sorella maggiore, la Tesla Model S.

E un problema tipico delle auto elettriche: i freni vengono usati raramente, con conseguente aumento della ruggine. Anche se le prestazioni di frenata non ne risentono necessariamente, non fa male "frenare" occasionalmente i dischi dei freni con una frenata più energica. Così facendo, si può evitare che i dischi/blocchi dei freni debbano essere sostituiti prematuramente. Tesla raccomanda di far controllare il liquido dei freni e di sostituire il filtro interno ogni due anni. Anche la lubrificazione delle pinze ogni 20.000 km può prevenire i problemi.

Problemi con i punti di aggancio difettosi

A quanto pare, molti veicoli soffrono di punti di aggancio piegati o incrinati. Quello che Tesla ha inizialmente minimizzato come "danno estetico" potrebbe causare seri problemi durante un'ispezione. Infatti, sollevare o sollevare una Tesla Model 3 può causare danni significativi. Questo perché sul lato inferiore della Tesla si trova il pacco batterie. Se si solleva la Tesla con un ponte o un cric, la batteria potrebbe essere danneggiata. La riparazione è costosa perché è necessario sostituire l'intero modulo della batteria.

Vale quindi la pena di guardare sotto il veicolo prima della prossima ispezione. Il danno ai punti di sollevamento si è verificato apparentemente durante la produzione e non può essere attribuito all'uso improprio di un punto di sollevamento.

Problemi di controllo

Problemi di controllo sono stati segnalati anche in diversi veicoli costruiti nella seconda metà del 2022 nello stabilimento tedesco di Brandeburgo (e in parte in Cina).

Gli automobilisti riferiscono che lo sterzo mostrava una "resistenza a piccoli incrementi", simile alla rotella di scorrimento del mouse di un computer. Anche il riavvio del veicolo non ha portato ad alcuna soluzione. Inizialmente, Tesla ha cambiato lo sterzo ad alcuni proprietari di auto, che apparentemente non ha migliorato la situazione. Ora, un aggiornamento del software dovrebbe risolvere l'insolita resistenza del volante.

Esperienze dei proprietari di Tesla Model 3

Ma cosa dicono i conducenti stessi della Model 3? Questo, ovviamente, è spesso il miglior indicatore. Le critiche più comuni che ci sono state mosse riguardano vari difetti alla consegna, soprattutto danni alla vernice e alla piastra inferiore. Ma graffi e ammaccature su un'auto nuova non sono purtroppo molto rari.

Tuttavia, il livello di finitura non è così elevato come ci si potrebbe aspettare quando viene consegnata un'auto nuova. Graffi sul cruscotto, volanti montati male o leva del cambio che cade causano fastidio. Fortunatamente, si tratta di problemi che si manifestano immediatamente dopo la consegna.

Tra i problemi emersi solo in seguito vi sono la rottura degli alberi di trasmissione e il malfunzionamento di varie funzioni. L'elettronica è occasionalmente fonte di preoccupazione, anche per quanto riguarda la tecnologia di ricarica e l'autonomia. Inoltre, i proprietari lamentano perdite nell'abitacolo, soprattutto nel bagagliaio o vicino al tetto apribile.

Richiami del Modello 3

Tesla ha un accordo volontario richiamo rilasciato a tutti i veicoli Model 3 rilasciati tra il 2017 e il 2020, nonché ad alcuni veicoli Model S tra il 2014 e il 2021. Tesla ha dichiarato che l'apertura e la chiusura del bagagliaio della Model 3 potrebbe danneggiare il cablaggio che collega la telecamera di retromarcia, causandone l'improvviso malfunzionamento.

Ci sono stati anche errori di produzione che hanno causato diversi richiami. Tra gli altri, i freni non erano fissati correttamente e diverse parti del telaio erano avvitate in modo errato.

Un raffreddamento insufficiente dei processori potrebbe causare il malfunzionamento di diversi sistemi del veicolo. Inoltre, l'unità di velocità non veniva visualizzata in modalità pista (gara), cosa che poteva essere risolta aggiornando il software.

Punti deboli noti

  • batteria difettosa, bassa carica e autonomia
  • peso elevato: maggiore usura del telaio
  • ispezione: freni arrugginiti, luci difettose
  • Punti di sollevamento incrinati o piegati
  • vari difetti alla consegna dell'auto nuova

Conclusione generale

Come avete potuto leggere, è stato menzionato un discreto numero di punti, ma la maggior parte dei problemi si è verificata subito dopo (o poco dopo) l'acquisto. Nel complesso, la maggior parte dei conducenti di Tesla Model 3 è molto soddisfatta della propria auto.

Indipendentemente dalla variante scelta, la velocità e il comfort di guida della Tesla vengono elogiati. "Accelera come la migliore, frena come un'auto da corsa e affronta le curve come un go-kart". Per quanto riguarda la maneggevolezza della Model 3, gli automobilisti sono quasi unanimemente favorevoli. "Per non parlare dell'AWD e della maneggevolezza. Sì, questo mi ha fatto davvero apprezzare la Tesla".

Gli automobilisti sono anche abbastanza soddisfatti delle distanze che possono percorrere con la Model 3, soprattutto se confrontate con altri veicoli elettrici. La batteria di qualsiasi veicolo elettrico si deteriora con il tempo, questo è un dato di fatto e non è diverso per Tesla. Tuttavia, dopo molti chilometri sul contachilometri, la capacità è ancora più che sufficiente. E con sempre più punti di ricarica (veloce) lungo la strada, la ricarica è un gioco da ragazzi!

Possedete una Model 3 o state pensando di acquistarne una? Allora sentitevi liberi di condividere le vostre esperienze con noi attraverso il modulo di commento qui sotto!

Consigli per l'acquisto di un'auto usata

Acquistare un'auto usata può essere una scelta intelligente. Dopo tutto, si può risparmiare molto sul prezzo di acquisto rispetto a un'auto nuova. Ma a cosa bisogna prestare attenzione quando si acquista un'auto di seconda mano? In questo blog vi darò alcuni consigli. Osservate bene il...

occasione almere

Esaminate attentamente la storia dell'auto

Prima di acquistare un'auto usata, è importante conoscerne la storia. Chiedete al venditore il libretto di manutenzione e verificate se tutti gli interventi di assistenza sono stati eseguiti in tempo. È anche possibile controllare il numero di immatricolazione sul sito web dell'azienda. RDW. Qui è possibile vedere se l'auto è mai stata dichiarata distrutta, rubata o sottoposta a un richiamo.

È stato revisionato di recente e sono presenti fatture?

Se l'auto è stata sottoposta a manutenzione di recente, è bene richiedere le fatture. In questo modo è possibile vedere quali parti sono state sostituite e se sono ancora in garanzia. Questo vi dirà anche se l'auto è stata sottoposta a una buona manutenzione.

Controllare che tutti i componenti elettronici funzionino

Durante il giro di prova, è importante verificare che tutti i componenti elettronici funzionino. Pensate all'aria condizionata, alla radio, alle luci e ai tergicristalli. Se qualcosa non funziona, è possibile segnalarlo al venditore ed eventualmente farlo riparare prima dell'acquisto dell'auto.

Controllare che non vi siano segni di perdite sul motore.

Quando si ispeziona il motore, è importante verificare che non vi siano segni di perdite. Questo si può notare da macchie d'olio sotto l'auto o da segni d'olio sul motore stesso. La presenza di perdite potrebbe indicare l'usura dei componenti e causare problemi in futuro.

Durante il giro di prova, prestare attenzione ai rumori laterali

Durante il giro di prova, è importante prestare molta attenzione ai rumori laterali. Potrebbero essere, ad esempio, rumori o scricchiolii. Ciò può indicare l'usura di parti come i quadrilateri, i gommini usurati, ecc. Se sentite dei rumori, segnalateli al venditore e fateli riparare, se necessario, prima di acquistare l'auto.

Acquistare un'auto usata ad Almere

Acquistare un'auto usata può essere una scelta intelligente, ma è importante prestare molta attenzione al momento dell'acquisto. Seguendo questi consigli, si spera di fare una buona scelta e di partire in sicurezza. Volete acquistare un'auto usata ad Almere? Allora date un'occhiata a questo sito web auto usate Almere. Qui troverete un'ampia gamma di auto usate.

Volvo s60 Gen 1 consigli per l'acquisto e problemi

Nel 2000 abbiamo salutato la Volvo S70 e dato il benvenuto alla Volvo S60 Gen 1. Questo modello presentava molte innovazioni e vantaggi rispetto al suo predecessore. Il design della S60 Gen 1 era fresco e moderno, con interni più raffinati. Il modello era inoltre dotato di tutti i tipi di nuove caratteristiche di sicurezza, come un migliore sistema di frenata, airbag laterali e un sistema di protezione dal colpo di frusta. Nel complesso, la S60 Gen 1 ha ricevuto grandi apprezzamenti da parte di utenti ed esperti, soprattutto per la piacevolezza di guida, il comfort e la sicurezza. Tuttavia, alcuni ritengono che l'auto sia piuttosto energivora rispetto ad altre vetture della stessa categoria. Come ad esempio la BMW serie 3 e90/91. Erano molto più economici.

volvo s60 gen 1 consigli d'acquisto e problemi

S60 Gen 1 Facelift dal 2005 in poi

Nel 2005, la S60 Gen 1 è stata rinnovata con un nuovo frontale, alcune modifiche al posteriore e un aggiornamento degli interni. Questo modello è stato prodotto dal 2000 al 2009. Questo include i motori che erano disponibili per la S60 Gen 1:

  • 2.0T: 163 CV, 230 Nm di coppia, 1984 cc
  • 2.0T: 180 CV, 240 Nm di coppia, 1984 cc
  • 2.4: 140 CV, 220 Nm di coppia, 2435 cc
  • 2.4T: 200 CV, 300 Nm di coppia, 2435 cc
  • 2.4D: 163 CV, 340 Nm di coppia, 2401 cc
  • D5: 163 CV, 340 Nm di coppia, 2401 cc
  • D5: 185 CV, 400 Nm di coppia, 2401 cc

I motori della S60 Gen 1 hanno presentato alcuni problemi noti, dalle perdite d'olio ai problemi al turbo. Ci sono stati anche problemi generali, come problemi elettrici, problemi alle sospensioni, problemi ai freni e problemi alla trasmissione.

Di seguito sono riportati i problemi specifici per ogni motore

Per le diverse opzioni di motore della S60 Gen 1, possono verificarsi problemi specifici:

  • 2.0T: in questo motore si verificano spesso perdite d'olio in corrispondenza delle guarnizioni dell'albero a camme e della linea di alimentazione dell'olio del turbocompressore. Inoltre, il motore può talvolta vacillare e girare al minimo in modo irregolare a causa di bobine di accensione e candele difettose.
  • 2.4: Questo motore può presentare perdite di olio in corrispondenza della guarnizione dell'albero motore anteriore e della guarnizione della coppa dell'olio. Potrebbe inoltre presentare problemi al sistema PCV, causando un consumo eccessivo di olio e un funzionamento irregolare al minimo.
  • 2.4T: il turbocompressore di questo motore potrebbe non funzionare correttamente, con conseguente perdita di potenza e fumo eccessivo dallo scarico. Come nel caso del 2.0T, possono verificarsi perdite d'olio in corrispondenza delle guarnizioni dell'albero a camme e della linea di alimentazione dell'olio del turbocompressore.
  • 2.4D/D5: i motori diesel della S60 Gen 1 possono presentare problemi agli iniettori del carburante, che possono causare singhiozzi e perdita di potenza. Possono inoltre verificarsi problemi con la valvola EGR e il turbocompressore, che possono causare perdite di potenza e fumo eccessivo dallo scarico.

A cosa prestare attenzione quando si acquista una Volvo S60?

Se avete messo gli occhi su una S60 Gen 1, ci sono alcune cose da considerare. Controllate attentamente l'auto per individuare eventuali segni di usura, come graffi, ammaccature e ruggine. Fate un giro di prova per sentire come si guida l'auto e ascoltate attentamente se sentite strani rumori o vibrazioni. Controllate che il motore non presenti perdite o odori strani; portate con voi una buona lampada per individuare eventuali perdite. Verificate che l'olio sia stato cambiato in tempo e che l'olio sia stato sostituito. cinghia dentata sostituiti secondo le raccomandazioni del costruttore. Controllate l'usura di freni, sospensioni e pneumatici e se tutti i componenti elettronici funzionano. È anche opportuno verificare la storia dell'auto, per esempio se ci sono richiami in corso. Negoziate bene il prezzo e mettete tutto per iscritto prima di acquistare l'auto. Seguire questi consigli vi aiuterà a prendere una buona decisione nell'acquisto di una Volvo S60. Potete scaricare gratuitamente la nostra lista di controllo.

Mercedes classe E w212 consigli e problemi per l'acquisto

La Mercedes Classe E W212 è una berlina e una station wagon di lusso che appartiene alle auto di fascia alta. La vettura è stata prodotta dal 2009 al 2016 ed era disponibile in diverse varianti di motore, sia a benzina che diesel. I nuovi prezzi della Mercedes Classe E W212 variavano a seconda del motore e della versione scelta, ma erano compresi tra 50.000 e 150.000 euro nei Paesi Bassi. L'auto è nota per il suo aspetto lussuoso, l'esperienza di guida confortevole e le eccellenti caratteristiche di sicurezza.

mercedes classe e w212

Varianti del motore

La Mercedes Classe E W212 è disponibile in diverse varianti di motore, sia a benzina che diesel. Le varianti diesel vanno dal 2.1 CDI al 3.0 CDI. Le varianti a benzina vanno dal 1.8 CGI al 5.5 AMG. In totale sono disponibili nove diverse varianti di motore.

Consumo di carburante

Il consumo di carburante della Mercedes Classe E W212 varia a seconda del motore scelto e dello stile di guida. Il 2.1 CDI ha un consumo medio di 5,3 litri per 100 km, mentre il 5.5 AMG ha un consumo medio di 12,2 litri per 100 km.

Punteggio di sicurezza

La Mercedes Classe E W212 ha ottenuto un punteggio di sicurezza di 5 stelle secondo l'NCAP. L'auto dispone di un eccellente equipaggiamento di sicurezza, tra cui airbag, ABS, controllo elettronico della stabilità e assistenza alla frenata. Ecco il link alla pagina: https://www.euroncap.com/nl/results/mercedes-benz/e-class/40875

Problemi comuni

I problemi più comuni della Mercedes Classe E W212 includono problemi con l'aria condizionata, problemi con il cambio automatico e problemi con l'elettronica. Nei modelli più vecchi può verificarsi anche la ruggine e in alcune varianti di motore possono verificarsi problemi di consumo di olio.

Concorrenti

I concorrenti della Mercedes Classe E W212, nello stesso segmento di prezzo, sono la BMW Serie 5 e il Audi A6. Entrambe le auto offrono prestazioni e lusso simili.

Conclusione

La Mercedes Classe E W212 è un'auto di lusso con diverse varianti di motore e un buon livello di sicurezza. I problemi più comuni possono essere evitati con una regolare manutenzione. I concorrenti nello stesso segmento di prezzo sono la BMW Serie 5 e l'Audi A6.

Vantaggi:

  • Auto lussuosa e confortevole
  • Diverse varianti di motore disponibili
  • Buon punteggio di sicurezza

Svantaggi:

  • Possibili problemi con l'aria condizionata, il cambio automatico e l'elettronica
  • Consumo di carburante più elevato su alcune varianti di motore

Audi a6 c6 2004-2011 consigli di acquisto e problemi

Se cercate un'auto di lusso con molto spazio e comfort, l'Audi A6 C6 è una buona scelta. La A6 C6 è stata prodotta tra il 2004 e il 2011 ed è disponibile in diverse varianti di motore, sia a benzina che diesel. In questo consiglio d'acquisto parliamo delle diverse varianti, del consumo di carburante, della punteggio di sicurezza secondo NCAP, problemi comuni e concorrenti con prezzi simili.

audi a6 c6 consigli per l'acquisto

Varianti del motore

L'Audi A6 C6 è disponibile in diverse varianti di motore, dal 2.0 TFSI al 5.2 FSI. Le varianti diesel vanno dal 2.0 TDI al 3.0 TDI. Il 2.0 TFSI e il 2.0 TDI sono le varianti più popolari e sono disponibili sia in versione berlina che Avant.

Consumo di carburante

Il consumo di carburante dell'Audi A6 C6 varia a seconda del motore scelto e dello stile di guida. Il 2.0 TFSI ha un consumo medio di 8,5 litri per 100 km, mentre il 2.0 TDI ha un consumo medio di 6,5 litri per 100 km. Il 3.0 TDI ha un consumo medio di 7,5 litri per 100 km.

Problemi per variante di motore

Di seguito è riportato l'elenco completo dei problemi comuni per variante di motore dell'Audi A6 C6:

2.0 TFSI

  • Problemi alla pompa dell'olio
  • Problemi della catena di distribuzione
  • Problemi con le bobine di accensione
  • Problemi con il turbo

2.0 TDI

  • Problemi con la valvola EGR
  • Problemi con il turbo
  • Problemi della catena di distribuzione
  • Problemi alla pompa del carburante

2,4 FSI

  • Problemi della catena di distribuzione
  • Problemi al regolatore dell'albero a camme
  • Problemi con la valvola EGR

2.7 TDI

  • Problemi con il turbo
  • Problemi con la valvola EGR
  • Problemi di aspirazione dell'aria

3.0 TDI

  • Problemi con la valvola EGR
  • Problemi con il turbo
  • Problemi al regolatore dell'albero a camme
  • Problemi della catena di distribuzione

3.2 FSI

  • Problemi della catena di distribuzione
  • Problemi alla pompa dell'olio
  • Problemi al regolatore dell'albero a camme

È importante ricordare che questi sono solo problemi comuni e non tutte le auto ne soffrono. È inoltre importante effettuare una manutenzione regolare per prevenire o correggere questi problemi in tempo. E vedere le fatture di manutenzione al momento dell'acquisto. I libretti sono belli, ma non sono una prova concreta della manutenzione effettuata.

Punteggio di sicurezza

L'Audi A6 C6 ha un punteggio di sicurezza di 5 stelle secondo l'NCAP. L'auto è dotata di un eccellente equipaggiamento di sicurezza, tra cui airbag, ABS, controllo elettronico della stabilità e assistenza alla frenata.

Problemi comuni

Un problema comune dell'Audi A6 C6 è quello del cambio automatico multitronic. Anche la frizione può usurarsi con il tempo e ci sono problemi con l'elettronica.

Concorrenti

L'Audi A6 C6 ha concorrenti nello stesso segmento di prezzo, come la BMW Serie 5 e la Mercedes-Benz Classe E. Entrambe le auto offrono prestazioni e lusso simili, ma l'Audi A6 C6 ha un punteggio di sicurezza migliore ed è generalmente più affidabile.

Conclusione

L'Audi A6 C6 è una buona scelta se cercate un'auto di lusso con molto spazio e comfort. L'auto è disponibile in diverse varianti di motore e ha un buon livello di sicurezza. I problemi più comuni possono essere evitati con una regolare manutenzione. Le concorrenti nello stesso segmento di prezzo sono la BMW Serie 5 e la Mercedes-Benz Classe E, ma l'Audi A6 C6 ha un punteggio di sicurezza migliore ed è generalmente più affidabile.

Vantaggi:

  • Auto lussuosa e confortevole
  • Disponibile in diverse varianti di motore
  • Buon punteggio di sicurezza

Svantaggi:

  • Il cambio automatico Multitronic può causare problemi
  • Possono verificarsi problemi con l'elettronica
  • Il consumo di carburante non è il più efficiente della categoria.

L'auto più venduta al mondo nel 2022

Nel mondo delle auto, ci sono sempre alcuni modelli che catturano il cuore dei consumatori e si distinguono dalla concorrenza. Nel 2022, la Toyota RAV4 è stata una di queste auto. Con i suoi impressionanti dati di vendita, il RAV4 si è aggiudicato il titolo di auto più venduta al mondo dell'anno. Toyota è comunque uno dei marchi più ricercati a livello mondiale, comparendo nella top 10 del 2022 non meno di cinque volte.

toyota rav4In questo articolo del blog, diamo uno sguardo più da vicino alla popolarità e alle ragioni del successo di questo acclamato SUV Toyota.

Perché la Toyota RAV4 ha un tale successo nel resto del mondo?

  1. Un'icona globale: La Toyota RAV4 è diventata un'icona globale sin dall'introduzione del primo modello nel 1994. È stato uno dei pionieri del segmento dei SUV compatti e da allora ha registrato una crescita enorme. Con ogni generazione, il RAV4 ha acquisito caratteristiche innovative e aggiornamenti di stile che lo rendono sempre attraente per gli appassionati di auto di tutto il mondo.
  2. Dati di vendita leader nel settore: Nel 2022, la Toyota RAV4 ha raggiunto risultati di vendita senza precedenti. Con oltre [numero specifico di] unità vendute, ha superato tutte le altre auto presenti sul mercato e si è guadagnato il titolo di auto più venduta al mondo dell'anno. Questo successo è dovuto all'ampio appeal del RAV4, che si rivolge sia alle famiglie che agli individui più avventurosi.
  3. Versatilità e affidabilità: una delle ragioni principali della popolarità della Toyota RAV4 è la sua versatilità. Con un abitacolo spazioso, una configurazione flessibile dei sedili e un generoso spazio per i bagagli, il RAV4 è perfetto per la vita quotidiana e per le avventure del fine settimana. Inoltre, Toyota è nota per i suoi veicoli affidabili e il RAV4 non fa eccezione. Gli acquirenti sono sicuri della durata e della qualità del RAV4, il che lo rende una scelta ovvia per molti consumatori.
  4. Tecnologia e sicurezza avanzate: La Toyota RAV4 è ricca di tecnologie avanzate e di funzioni di sicurezza. Grazie a funzioni come il cruise control adattivo, il sistema di mantenimento della corsia, la frenata automatica di emergenza e un sistema di infotainment intuitivo, il RAV4 offre un'esperienza di guida confortevole e sicura. Queste caratteristiche tecnologiche hanno contribuito a rendere il RAV4 attraente per gli acquirenti di auto moderne che apprezzano sia il comfort che la sicurezza.
  5. Sostenibilità e rispetto dell'ambiente: un altro fattore che ha contribuito al successo della Toyota RAV4 è la sua attenzione alla sostenibilità e al rispetto dell'ambiente. Il RAV4 è disponibile come modello ibrido, il che lo rende un modello

Perché le vendite nei Paesi Bassi sono in ritardo?

Sebbene la Toyota RAV4 sia un'auto molto popolare nel resto del mondo, nei Paesi Bassi viene venduta relativamente poco. Le ragioni sono molteplici:

  1. Tasse: Nei Paesi Bassi, l'imposta sull'acquisto (BPM) e la tassa di circolazione dipendono in larga misura dalle emissioni di CO2 dell'auto. Tuttavia, la Toyota RAV4 ha emissioni di CO2 relativamente elevate rispetto ad altri SUV, il che la rende più costosa da acquistare e gestire rispetto a modelli simili con emissioni inferiori.
  2. Concorrenza: il mercato dei SUV nei Paesi Bassi è molto competitivo, con molte scelte per i consumatori. Sul mercato olandese sono presenti molti SUV alternativi che offrono caratteristiche simili al RAV4, come la Volkswagen Tiguan, la Kia Sportage e la Nissan Qashqai.
  3. Preferenza per le auto più piccole: Nei Paesi Bassi si preferisce tradizionalmente optare per auto più piccole, per adattarsi allo spazio limitato per il parcheggio e alle strade strette delle aree urbane. Tuttavia, il RAV4 è un SUV più grande e quindi potrebbe essere meno adatto alle strade olandesi.
  4. Disponibilità limitata: Toyota ha scelto di vendere solo un numero limitato di esemplari del RAV4 nei Paesi Bassi, forse per i motivi sopra citati o perché non è il mercato principale per l'auto.

Quali sono le esperienze degli utenti sulla Toyota RAV4?

Nel complesso, le esperienze degli utenti con la Toyota RAV4 sono positive. Molti proprietari lodano il RAV4 per l'affidabilità, lo spazio, il comfort e le prestazioni. Ecco alcuni aspetti positivi che vengono spesso citati:

  1. Affidabilità: Toyota è nota per le sue auto affidabili e il RAV4 non fa eccezione. Molti proprietari riferiscono che il RAV4 ha pochi problemi e che possono fidarsi del fatto che l'auto li porti da A a B senza problemi.
  2. Spazio e comfort: il RAV4 offre un abitacolo spazioso e confortevole, con ampio spazio per la testa e per le gambe sia per il conducente che per i passeggeri. È una scelta adatta alle famiglie e alle persone che necessitano di un ampio spazio di carico.
  3. Guidabilità: Il RAV4 è spesso lodato per la sua esperienza di guida fluida e confortevole. Offre una buona maneggevolezza e una guida confortevole, anche sulle lunghe distanze. Inoltre, i modelli ibridi del RAV4 sono apprezzati per l'efficienza dei consumi e la silenziosità della trazione elettrica.

Ci sono problemi noti che riguardano la RAV4?

Sebbene il RAV4 abbia avuto esperienze generalmente positive, ci sono anche alcuni problemi noti segnalati da alcuni proprietari. È importante notare che non tutti questi problemi si applicano a tutti gli esemplari di RAV4, ma è bene tenerli a mente quando si considera l'acquisto. Alcuni dei possibili problemi segnalati includono:

  1. Consumo di carburante: alcuni proprietari hanno lamentato un consumo di carburante superiore alle aspettative, soprattutto nei modelli più vecchi. Tuttavia, vale la pena notare che le varianti ibride del RAV4 tendono a essere molto efficienti.
  2. Sistema di infotainment: alcuni proprietari hanno riscontrato problemi con il sistema di infotainment, come tempi di risposta lenti, bug del software o problemi di compatibilità con gli smartphone. Tuttavia, Toyota ha rilasciato aggiornamenti software per risolvere questi problemi.

È sempre consigliabile fare ricerche approfondite e, se possibile, fare un giro di prova per farsi un'idea dell'esperienza d'uso di un modello specifico e per discutere di eventuali dubbi con un concessionario Toyota locale.

Cercate un trattore d'epoca? Ecco cosa cercare

I trattori sono indispensabili in campagna e vengono utilizzati in agricoltura fin dai primi anni del 1900. A trattore d'epoca è un veicolo classico spesso collezionato dagli appassionati.

In questo testo rispondiamo alle seguenti domande:

  • Quando un trattore è ufficialmente un trattore d'epoca?
  • Quali sono i marchi noti di trattori d'epoca?
  • Dove trovare trattori d'epoca?
  • A cosa bisogna prestare attenzione quando si acquista un trattore d'epoca?

Quando un trattore è ufficialmente un oldtimer?

Un trattore è generalmente considerato un'auto d'epoca quando ha raggiunto un'età pari o superiore a 25 anni. Tuttavia, questa non è una regola rigida e può variare a seconda del Paese, della regione e dell'assicuratore. Alcune compagnie assicurative considerano d'epoca anche trattori di 20 anni, mentre altre prevedono un'età minima di 30 anni.

Nel valutare se un trattore può essere considerato un oldtimer, non si considera solo l'età, ma anche le condizioni del veicolo e la misura in cui è rimasto originale. Ad esempio, un trattore in perfette condizioni e con un basso chilometraggio può essere considerato oldtimer prima di un trattore simile in cattive condizioni e con un chilometraggio elevato.

Quali sono i marchi noti di trattori d'epoca?

Esistono molti marchi noti di trattori d'epoca, tutti con una ricca storia nello sviluppo dell'agricoltura. Alcuni marchi noti sono Massey Ferguson, Ford, Deutz, John Deere e International Harvester.

Questi marchi hanno prodotto molti modelli diversi nel corso dei decenni, tutti con una propria storia. Molti di questi marchi hanno ancora un forte seguito tra i collezionisti e gli appassionati di trattori d'epoca, desiderosi di preservare la storia dell'agricoltura.

Dove trovare trattori d'epoca?

Esistono diversi luoghi in cui è possibile trovare trattori d'epoca. Innanzitutto, è possibile cercare trattori d'epoca online su piattaforme pubblicitarie quali Mondo classico online. Esistono anche diversi forum di appassionati di trattori d'epoca in cui è possibile cercare trattori e scambiare informazioni con altri appassionati.

Inoltre, è possibile cercare trattori d'epoca anche in occasione di fiere, mostre ed eventi. Qui è spesso possibile entrare in contatto con altri appassionati e conoscere la storia dei trattori.

A cosa bisogna prestare attenzione quando si acquista un trattore d'epoca?

Se volete acquistare un trattore d'epoca, ci sono alcuni elementi da tenere in considerazione.

Prima di tutto, è importante conoscere lo scopo dell'acquisto. Volete utilizzare il trattore o solo esporlo? Se si vuole utilizzare il vecchio trattore, deve essere ancora in buone condizioni per partecipare in sicurezza al traffico. Pertanto, controllate i freni, i pneumatici, il motore e altre parti importanti del trattore.

È inoltre importante conoscere il valore del trattore. Questo può aiutare a determinare un prezzo equo. È consigliabile esaminare attentamente la storia del trattore. In questo modo è possibile verificare se è stato mantenuto bene e se sono state effettuate riparazioni o restauri.

Auto monovolume, cos'è?

Un'auto monovolume, ogni tanto viene fuori questo termine e mi colpisce il fatto che non tutti sappiano cosa significhi questo termine. Mi sembra quindi un buon motivo per evidenziarlo in un articolo!

Auto monovolume

Un'automobile in cui l'intero abitacolo (cabina e bagagliaio) forma un unico grande spazio, quindi non c'è un bagagliaio separato. Nel mondo francofono, questo è chiamato anche monovolume o monospazio. In pratica, si tratta spesso di minivan o monovolume. Ne sono un esempio la Renault Espace, la Ford S-max, la Volkswagen California, la VW Multivan, ma sono incluse anche auto più piccole, come la Renault Twingo I o la Toyota Aygo.

Un'auto monovolume è ideale come auto familiare

Chiunque abbia dei bambini sa che fare un viaggio e portare tutto in macchina è spesso una sfida. Volkswagen ha creato una serie di vetture comode, spaziose e confortevoli per semplificare la vita dei genitori. Una monovolume è un'auto ideale per la famiglia, con il suo abitacolo spazioso e avvolgente che offre molto spazio. Diversi marchi hanno monovolume che offrono spazio per 4, 7 o 8 persone a seconda del tipo. Le ampie porte laterali facilitano l'ingresso e l'uscita. Inoltre, è sempre disponibile una porta o una quinta porta per accedere al capiente bagagliaio.

Ma anche utile come auto da viaggio!

auto monovolumeNaturalmente, l'auto monovolume è ideale non solo per le famiglie, ma anche per gli avventurieri che vogliono viaggiare in tutto il mondo. Basti pensare ai leggendari furgoni Transporter di Volkswagen. Grazie alle sue classiche forme rotonde dal grande logo, ai fari, all'intero esterno e ai numerosi finestrini, è un'auto unica conosciuta in tutto il mondo. La variante più famosa è il T1, prodotto dal 1950 al 1967. In seguito è stato prodotto anche il T2, che si differenzia dal classico Transporter T1 per l'aspetto. Perfetto per fare un viaggio!

Volkswagen monovolume

Volkswagen è un noto produttore di monovolume e per questo sono veicoli che si vedono spesso sulle strade olandesi. Pensiamo ad esempio alla California, alla Caravelle, al Multivan o al Caddy. Sono tutte auto affidabili e spaziose, molto apprezzate dalle famiglie, e per una buona ragione. Siete curiosi di conoscere l'attuale offerta della monovolume modelli di Volkswagen, date un'occhiata ai Sito web VW per una panoramica completa!

Storia Opel Corsa

La Opel Corsa ha festeggiato il suo 40° anniversario nel 2022, una vera e propria pietra miliare per il grande marchio automobilistico tedesco. Quando fu lanciata nel 1982, la Opel Corsa provocò una vera e propria rivoluzione nella classe delle auto piccole. La Corsa è ora alla sua sesta generazione e il modello è più popolare che mai. Lo scorso anno, la Corsa è stata una delle auto più vendute in diversi Paesi e la nuova Opel Corsa-e elettrica ha vinto numerosi premi.

Opel Corsa, l'inizio

Per comprendere appieno la popolarità della Corsa dal suo debutto nel 1982, è necessario prima guardare a un altro modello di successo: la Opel Kadett. Inizialmente una piccola vettura di circa 3,8 metri di lunghezza, pensata e progettata per il grande pubblico, apparve per la prima volta sulle strade pubbliche nel 1937. Con il passare del tempo, la Kadett divenne sempre più grande e potente, creando la richiesta di un modello più piccolo e compatto. Era quindi giunto il momento di una nuova auto veramente piccola, la Corsa. La Corsa uscì per la prima volta dalla linea di produzione del nuovo stabilimento di Saragozza nell'autunno del 1982 e fu subito un successo. Ad oggi, a 40 anni dal lancio, più di 14 milioni di unità sono uscite dalla fabbrica, la maggior parte delle quali prodotte a Saragozza e a Eisenach.

opel corsaQuesto successo è dovuto in gran parte alle numerose tecnologie introdotte nelle varie generazioni di Corsa, che in precedenza erano disponibili solo su vetture più costose. Tra queste, i sistemi di sicurezza e assistenza come l'ABS e gli airbag, la telecamera anteriore con indicatore di distanza, il riconoscimento dei segnali stradali e il sistema di mantenimento della corsia e, più recentemente, i fari Intelli-Lux LED® Matrix adattivi e antiabbaglianti. L'utilitaria più venduta, giunta alla sesta generazione, dimostra la sua capacità di innovare continuamente e di essere pronta per il futuro. Dal 2019 è anche completamente priva di emissioni per la prima volta: come Opel Corsa-e elettrica. Quali modelli l'hanno preceduta?

Opel Corsa A 1983-1993

La Corsa A era una vettura compatta con una lunghezza di soli 3,62 metri. Aveva passaruota svasati e audaci (che ricordavano quelli di un'auto da rally) e un coefficiente di resistenza aerodinamica eccezionalmente basso, pari a 0,36, potenzialmente da record per la sua categoria. Il capo progettista Erhard Schnell aveva disegnato un'auto piccola e sportiva, con linee taglienti e sportive, destinata soprattutto al "gentiluomo di casa". La punta di diamante era la Corsa GSi da 100 CV e faceva la sua comparsa anche il motore diesel. La gamma di due volumi e berline a due porte fu ampliata nel 1985 con l'aggiunta del popolare modello a cinque porte. La Corsa A divenne un bestseller acclamato, con 3,1 milioni di unità costruite.

Opel Corsa B 1993-2000

Nonostante il successo della Corsa numero 1, a Rüsselsheim si decise di posizionare il suo successore come un vero e proprio "tesoro per le donne". La leggenda del design Vauxhall, Hideo Kodama, si mise al lavoro e creò una Corsa molto più rotonda e morbida, con attraenti fari "a occhio di piattino" per dare all'auto un aspetto carino. La Corsa B era dieci centimetri più lunga e molto più spaziosa all'interno rispetto al modello precedente. Inoltre, introdusse standard di sicurezza più elevati nel suo segmento, tra cui freni cadenzati con ABS, protezione dagli impatti laterali e airbag frontali. Per i mercati speciali, Opel offrì nuovamente una berlina oltre alla hatchback, nonché varianti station wagon e pick-up. I motori a benzina erano già dotati di tecnologia di iniezione del carburante e di convertitori catalitici, mentre il GSi aveva 16 valvole e il motore diesel era ora turbocompresso. La seconda Corsa ebbe successo in tutto il mondo, vendendo più di quattro milioni di unità.

Opel Corsa C 2000-2006

Non si dovrebbe cambiare una formula di successo, e così Hideo Kodama è stato nuovamente chiamato a progettare la Corsa C. Il look di questo modello si è deliberatamente concentrato sul successo del suo predecessore. La Corsa crebbe ancora di dieci centimetri, raggiungendo una lunghezza totale di poco meno di 3,84 metri, e fu dotata di un assetto più ampio e di un passo più lungo, aumentando notevolmente lo spazio interno. Per la prima volta, la carrozzeria fu completamente zincata. Gli avanzati motori a benzina ECOTEC a quattro valvole e i nuovi turbodiesel a iniezione diretta garantivano potenza elevata, consumi ridotti e valori di emissioni bassissimi: tutte le varianti soddisfacevano già le norme Euro 4 sulle emissioni. Anche la Corsa C divenne un successo, vendendo 2,5 milioni di unità.

Opel Corsa D 2006-2014

D'ora in poi, le versioni a tre e a cinque porte prenderanno strade diverse: come la Corsa A originale, la Corsa a tre porte ha uno stile unico, simile a quello di una coupé, destinato a clienti sportivi. La variante a cinque porte sarà una spaziosa auto familiare a tutti gli effetti. Lunga meno di quattro metri, la Corsa D era ora lunga esattamente 3,999 metri. Grazie alla tecnologia ecoFLEX di Opel, la Corsa era dotata di sistemi Start/Stop per il risparmio di carburante e di motori altamente efficienti. La versione 1.3 CDTI ecoFLEX consuma solo 3,3 l/100 km nel ciclo combinato ed emette solo 88 g/km di CO2 (secondo il NEDC). Sono state vendute oltre 2,9 milioni di unità della quarta generazione di Corsa.

Opel Corsa E 2014-2019

Dinamica, pratica ed elegante, la Corsa E è anche un bestseller con circa 1,3 milioni di unità vendute. Anche la quinta generazione viene costruita negli stabilimenti Opel di Saragozza e di Eisenach. Per la prima volta, la vettura supera la soglia dei quattro metri e offre un elevato comfort e tecnologie di punta su una lunghezza di 4,02 metri. Naturalmente sono presenti il volante riscaldato, il riscaldamento dei sedili e il climatizzatore automatico, così come la telecamera anteriore con indicatore di distanza, il riconoscimento della segnaletica stradale e il Lane Keep Assist. I conducenti di Corsa sono connessi in modo ottimale grazie al sistema di infotainment IntelliLink compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, che include un touchscreen a colori da sette pollici. La versione sportiva di punta dell'utilitaria è inizialmente la Corsa OPC da 152 kW (207 CV) e successivamente la Corsa GSi da 110 kW (150 CV).

Opel Corsa F, la versione elettrica dal 2019

Opel è pronta per il futuro con l'ultima Corsa. L'ultima generazione della piccola vettura, presentata in anteprima mondiale al Salone Internazionale dell'Automobile di Francoforte 2019, è disponibile anche in versione completamente elettrica e senza emissioni. Un vero e proprio fiore all'occhiello è anche l'illuminazione adattiva e antiabbagliante Intelli-Lux LED® Matrix, che Opel offre per la prima volta nel segmento delle auto piccole con l'attuale Corsa. Numerosi sono anche i sistemi di assistenza avanzati, come il Forward Collision Alert con frenata automatica d'emergenza e rilevamento dei pedoni, nonché il Controllo adattivo della velocità basato su radar, che rendono la guida ancora più sicura e rilassante. Con una lunghezza di 4,06 metri, la Corsa a cinque posti rimane esemplare in termini di maneggevolezza, chiarezza dei comandi e usabilità. La linea del tetto in stile coupé è più bassa di 48 millimetri rispetto al modello precedente, senza sacrificare lo spazio per la testa. Il conducente siede 28 millimetri più in basso. Il baricentro basso si traduce in prestazioni di guida e maneggevolezza. L'ultima Corsa è più diretta e dinamica, per un maggiore divertimento al volante. Con questa ricetta per il successo, la piccola vettura è ancora una volta molto popolare e in diversi Paesi è l'auto più venduta nel segmento delle piccole e ha già vinto diversi premi. Non male Vauxhall!

Vi siete entusiasmati dopo aver letto questo articolo e volete anche cercare un Vauxhall Corsa usata? Allora consultate questo sito con un'ampia gamma di auto usate Opel di qualità.

it_ITIT